Come si recita il Rosario?

Il Rosario è composto di venti “misteri” della vita di Gesù e di Maria in 4 Corone: misteri gaudiosi (lunedì e sabato), luminosi (giovedì), dolorosi (martedì e venerdì) e gloriosi (mercoledì e domenica)


Il Rosario è una preghiera composta da venti “misteri” che rappresentano eventi significativi nella vita di Gesù e di Maria. Questi misteri sono divisi in quattro Corone, come stabilito nella Lettera Apostolica Rosarium Virginis Mariae.

La prima Corona comprende i misteri gaudiosi, che vengono contemplati il lunedì e il sabato. La seconda Corona riguarda i misteri luminosi, meditati il giovedì. La terza Corona comprende i misteri dolorosi, contemplati il martedì e il venerdì. Infine, la quarta Corona riguarda i misteri gloriosi, meditati il mercoledì e la domenica.

È importante notare che queste suddivisioni non limitano la libertà nella meditazione personale e comunitaria. È possibile adattare la preghiera del Rosario in base alle esigenze spirituali, pastorali e alle coincidenze liturgiche, permettendo così una maggiore flessibilità nella pratica di questa preghiera.

Come si recita il Rosario?

Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo.
O Dio vieni a salvarmi.
Signore, vieni presto in mio aiuto. Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo.
Come era nel principio e ora e sempre,
nei secoli dei secoli. Amen.

Si enuncia ad ogni decina il “mistero”, per esempio, nel primo mistero: “l’Annunciazione dell’Angelo a Maria“.

Dopo una breve pausa di riflessione, si recitano: un Padre Nostro, dieci Ave Maria e un Gloria.

Ad ogni decina della Corona si può aggiungere un’invocazione.

Alla fine del Rosario vengono recitate le Litanie Lauretane, o altre preghiere mariane.

Padre Nostro
Padre Nostro che sei nei cieli, sia santificato il tuo nome, venga il tuo regno, sia fatta la tua volontà, come in cielo così in terra. Dacci oggi il nostro pane quotidiano, e rimetti a noi i nostri debiti come anche noi li rimettiamo ai nostri debitori, e non abbandonarci alla tentazione, ma liberaci dal male. Amen

Ave o Maria
Ave o Maria, piena di grazia, il Signore è con te. Tu sei benedetta fra le donne e benedetto è il frutto del seno tuo, Gesù. Santa Maria, Madre di Dio, prega per noi peccatori, adesso e nell’ora della nostra morte. Amen

Gloria
Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo. Come era nel principio e ora e sempre, nei secoli dei secoli. Amen.

Litanie Lauretane
Salve, o Regina, madre di misericordia, vita, dolcezza e speranza nostra, salve.
A te ricorriamo, esuli figli di Eva: a te sospiriamo, gementi e piangenti in questa valle di lacrime.
Orsù dunque, avvocata nostra, rivolgi a noi gli occhi tuoi misericordiosi. E mostraci, dopo questo esilio, Gesù, il frutto benedetto del tuo seno. O clemente, o pia, o dolce Vergine Maria
.

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Il mio libretto per suonare i canti di adorazione: Vai qui

I commenti sono chiusi.